Cos’è una ICO?

Ma che Cazz… è un “Initial Coin Offer” (ICO)? Spieghiamolo in parole povere!

Iniziamo dalla traduzione Inglese-Italiano: Inizial Coin Offer si traduce in italiano come “offerta iniziale di moneta”. E che è?

Fundrising (Raccolta fondi) 1.0

Non so se hai mai provato a raccogliere fondi da banche e/o investitori per iniziare un’attività e/o per eseguire un progetto. Se lo hai fatto, avrai certamente riscontrato quanto è difficile ottenere fondi in un mercato tradizionale! Un sacco di documentazioni, un sacco di “garanzie” ed un sacco di interessi!

E se il finanziamento arriva da in investitore, solitamente chiede una buona parte della società’, riducendo di fatto l’opportunità di guadagno del fondatore!

Fundrising (Raccolta fondi) 2.0

Al fine di ovviare a tutte queste burocrazie e sfruttare lo strumento internet per facilitare la fruizione di capitale per progetti innovativi, intorno agli inizi del 2010 si assisti’ alla nascita di aziende quali Kickstarter e Indiegogo. Persone con indee innovative ebbero l’opportunitàdi pubblicizzare su scala “mondiale” le loro idee alla ricerca di investitori (molto spesso persone comuni).

L’ideatore mantiene la proprietà dell’azienda/progetto, a scapito però di un costo di utilizzo di servizio (Kickstarter, Indiegogo o qualsiasi altra piattaforma) che si aggira intorno al 10%.

Fundrising (Raccolta fondi) 3.0

Supponiamo ora che tu sia il presidente di una nuova azienda, con un servizio innovativo (un’App, un sito internet o qualsiasi altra diavoleria) e che per raggiungere nuovi mercati ed offrire più servizi, ti serva del nuovo capitale.

Potresti andare da un investitore tradizionale (Fundrising 1.0), chiedere un paio di milioni di euro e, se tutto va bene, concludere un contratto per la cessione di una parte cospicua della tua società (dal 20% fino al 60%).

Alternativamente potresti iniziare una campagna su Kickstarter (Fundrising 2.0), cercare di pubblicizzare il più possibile la tua idea, e sperare di attrarre capitale da semplici individui come me e te. Chiaramente gli sforzi ed i capitali da impiegare in marketing oltre al fatto che il 10% (circa) di ciò che raccoglierai andrà a Kickstarter, non rendono tale soluzione ottimale, ma il vantaggio e’ che non devi cedere nessuna quota della tua società.

E se raccogliessi fondi con una ICO? Si, ma cos’è e come funziona?

Con una ICO, la tua aziende emette una nuova moneta digitale al fine di finanziare il progetto di espansione dei servizi che solitamente si basano su tecnologia Blockchain.

In parole povere, una volta emessa una nuova crittovaluta, effettui una buona campagna pubblicitaria al fine di attrarre fondi (su scala mondiale) per sviluppare nuove funzionalità.

Rispetto alle raccolte fondi 1.0 e 2.0, i vantaggi sono chiari: non occorre cedere nessuna proprietà/quota dell’azienda e non ci sono intermediari (quali Kickstarter) che si intascano una parte dei fondi raccolti.

Così semplice? Beh, non proprio! Spieghiamoci meglio:

  1. La crittovaluta deve avere uno scopo all’interno del progetto: ad esempio per servizi a valore aggiunto potresti chiedere agli utenti di “pagare con la nuova crittovaluta generata”
  2. Le capacità tecniche dell’azienda e del team devono essere evidenti: profili professionali e curriculum devono essere disponibili online, evidenziando quali siano le capacità tecniche per l’esecuzione del nuovo progetto
  3. La documentazione tecnica (WhitePaper) deve essere trasparente ed esplicativa: considerando che si va a chiedere soldi “su carta”, l’informazione tecnica del progetto deve essere assolutamente perfetta, lasciando pochi elementi all’immaginazione
  4. La crittovaluta deve essere appetibile nel futuro: una volta emessa, ogni moneta digitale andrà su un mercato di monete; ogni investitore avrà interessi ad acquistarla, e di conseguenza a mantenere un valore elevato, se e solo se avrà uno scopo d’esistenza futura (ho visto troppe ICO che falliscono miseramente la domanda fondamentale: ma perché hanno bisogno di una critto moneta?)

Bene, sei pronto ed hai tutto: Team, WhitePaper ed anche una crittovaluta che sarà gettonatissima! Ma cosa fai ora?
Attualmente, il modo più popolare per “costruire” una nuova moneta è quello di creare un nuovo token (gettone) sulla piattaforma Ethereum, che poi distribuirai alle persone che parteciperanno all’ ICO in cambio di valute come Bitcoin, Ethereum, Litecoin etc. (se vuoi approfondire la differenza tra Cryptocurrency e Token, ti consiglio di leggerti il seguente articolo: Differenza tra “Cryptocurrency” (Moneta Digitale) e “Token” (Gettone))

Una volta raccolti Bitcoin, Ethereum, Litecoin e/o qualsiasi altra moneta, puoi trasformare tali valute digitali in Euro ed iniziare lo sviluppo dei servizi aggiuntivi/innovativi descritti nella documentazione tecnica!

Il tutto sembra molto semplice, soprattutto considerando che parecchie ICO hanno permesso agli investitori (gente comune come me e te) di decuplicare (x10) il capitale investito nell’arco di pochi mesi! Ma mi preme evidenziare come parecchie altre ICO sono delle vere e proprie truffe, dove una volta raccolti i fondi, le aziende sono scomparse nel nulla!

Se hai intenzione di investire in ICO, ti consiglio vivamente di passare parecchie ore effettuando ricerche soprattutto sul team! Questo ti permettera’ di limitare (ma non completamente azzerare) il rischio di essere “fregato”!

Un esempio nella figura sottostante: Team composto da Kevin Belanger con immagine dell’attore Ryan Gosling e/o Tyrone Fountain (chiaro nome americano), con immagine di un cinquantenne cinese, dovrebbe subito farti capire che è una fregatura!

Buon investimento e mio raccomando PRUDENZA con le ICO!

Se hai ancora qualche dubbio, non esitare a chiedere domande sul Forum!

Market Quotes by TradingView